Ne abbiamo parlato tempo fa in un nostro speciale, ed in maniera collaterale riguardo il fenomeno “ma esce su Nintendo Switch?”, di quella bestia che attanaglia ogni videogiocatore: il backlog. Una parola che fa rima con Steam, soprattutto.

La piattaforma digitale di Valve ha contribuito fortemente ad accrescere questa tendenza al limite del suicidio tra i videogiocatori. Perché se è difficile lasciare a prendere polvere un titolo pagato €50 ed oltre, è ben più facile farlo con titoli pagati in sconto una manciata di euro. “Intanto lo compro, quando mi ricapita a questo prezzo?”, una frase tipica associata ad ogni saldo della piattaforma Steam.

Un po’ per senso di colpa, un po’ perché effettivamente questo è un periodo che si presta molto bene per le pulizie ed il rispolvero, Steam ha lanciato l’evento Pulizie di primavera.

Proprio come succede in casa, tra la libreria di fumetti/blu-ray/libri e chissà cos’altro, la primavera è quel magico periodo dell’anno in cui si fanno due conti, per così dire. Questo lo butto, questo lo regalo, questo lo vendo, questo lo metto in uno scatolone, e via così. La stessa cosa la potremmo fare su Steam, in un certo senso.

STEAM Pulizie di primavera

La voglia di riempire la bacheca è fortissima

Pulizie di primavera è un evento che avrà luogo dal 24 al 28 maggio prossimi. L’idea è questa, semplicemente: rispolverare i giochi in libreria.

E di giochi, in libreria, ce ne sono tendenzialmente parecchi. Tra offerte, giochi regalati per un periodo di tempo, titoli comprati in blocco su siti come Humble Bundle o solo spiluzzicati e prodotti intonsi. Chi vi scrive ha 173 titoli nella sua libreria Steam, e non osa pensare quale possa essere la percentuale di completati in rapporto a quelli mai avviati.

Pulizie di primavera spinge i giocatori a rimettere mano ai titoli acquistati, con un processo di gamification molto semplice”Detto questo, Pulizie di primavera spinge i giocatori a rimettere mano ai titoli acquistati, con un processo di gamification molto semplice. Giocando a determinati titoli che corrispondono ad alcuni criteri (proposti da Steam stesso) si otterranno delle medaglie. Le stesse medaglie potranno essere migliorate continuando a svolgere determinati compiti.

In tutto ciò, Steam offre gratuitamente per il periodo una piccola selezione di videogiochi gratuiti. Parliamo di Dead by Daylight, Cities Skyline, Don’t Starve Together – A New Reign, DiRT 4, Left 4 Dead 2, Tyranny, Borderlands 2, La terra di Mezzo: L’Ombra di Mordor e Castle Crashers. Sicuramente non delle primizie, ma per buona parte dei buoni titoli, alcuni con un ottimo multiplayer, che magari potrebbero finire direttamente nella vostra libreria al termine del periodo gratuito, giusto per infoltire nuovamente il backlog.

STEAM Pulizie di primavera

Voce del verbo: “provare rimorso”

Quindi, Steam offre anche dei compiti giornalieri. Giocare ad uno dei titoli gratis, avviare un titolo mai aperto, o ancora farsi aiutare dalla piattaforma, che sceglierà casualmente un gioco nella vostra libreria da avviare.

Ci sono anche i trofei, da ottenere e potenziare come spiegato sopra. “Nostalgia” vi propone di giocare ad un titolo provato per più di 2 ore, ma che non sia stato avviato da un po’; “Non vedo l’ora” vi chiede di giocare ad un titolo acquistato negli ultimi sei mesi; “Amico fidato” di provare un titolo consigliato da un utente sulla lista amici; “Consigliere fidato” di giocarne uno consigliato dai curatori seguiti; “Un’altra possibilità” di provare un titolo giocato per meno di un’ora; “Un vecchio ricordo” di giocare al primo titolo aggiunto all’account di Steam. Queste sono alcune delle medaglie che è possibile ottenere durante l’evento.

Evento che, onestamente, troviamo brillante. Sorvolando sull’auto-consapevolezza di aver fornito uno strumento di perdizione e consumismo senza pari (cosa che ci provoca un corto circuito interno ogni volta), Pulizie di primavera è una cosa tremendamente simpatica, diciamo.

Attraverso un banalissimo esercizio di gamification si spinge i giocatori ad essere più coscienti di cosa acquistano. È una cosa molto meno banale di quella che sembra. Con questo evento magari qualcuno si renderà conto per la prima volta di quanto sia esteso il suo backlog, altri decideranno di continuare con queste pulizie oltre la fine dell’evento. Altri ancora continueranno a comprare videogiochi su Steam senza ritegno ai prossimi saldi, perché l’umanità è fatta così.

Personalmente, crediamo che ci faremo intrigare dal gioco casuale proposto da Steam, mentre lo scrivente scopre che il primo titolo aggiunto alla libreria fu Game of Thrones Genesis. Brividi.