È noto che, per demografica ed interessi, molti videogiocatori siano edonisti, e molti edonisti siano anche videogiocatori. Per questo, più volte, YouPorn si è interessato all’industria dei videogiochi. Dalle occasioni in cui i brand più famosi come Overwatch, Fortnite, ma anche i personaggi Nintendo o le femme fatale più famose dei videogiochi, come Triss e Yennefer, vengono cercati nel motore di ricerca del portale nella speranza (spesso fondata) di trovare materiale pruriginoso che li riguarda, fino a veri e propri legami più diretti e profondi con il mondo videoludico.

Nel 2014, YouPorn firmò un contratto di sponsorizzazione per sei mesi con Play2Win, squadra eSport spagnola. “Siamo così eccitati dall’idea di entrare finalmente nel mondo del gaming e degli eSport”, disse all’epoca Brad Burns, vice presidente della compagnia. “Questa partnership è stata una cosa voluta da tempo, e credo che con il nostro supporto, insieme all’esperienza che ogni membro del Team YP mette sul tavolo e nei campi di battaglia virutali, potremmo davvero fare breccia nella competizione”.

Un’idea comprensibilissima, quasi ante-litteram se pensiamo all’anno, quella di YouPorn. Oggi, infatti, molte aziende ed investitori privati di grosso calibro che non hanno niente a che fare con il mondo eSport investono sempre di più in questo settore. Come sappiamo c’è interesse, un pubblico che guarda, spettatori paganti che sono disposti a sorbirsi pubblicità o, in generale, sono il target perfetto per certi tipi di aziende come Red Bull, per esempio, che da anni supporta la scena competitiva di Street Fighter, tanto per fare un esempio.

YouPorn ricerche

Lara Croft rimane sempre la signora videoludica più cercata nei siti pornografici, ma Tracer è subito dietro

Il Team YP (“You Porn”, ovviamente), si specializza in Hearthstone, League of Legends, con una piccola nicchia per Warcraft III: Reign of Chaos e DOTA 2. Per ovvi motivi nelle maglie dei giocatori non c’è mai stato scritto il nome YouPorn per intero, visto che si tratta pur sempre di un nome che potrebbe scuotere qualche coscienza, per così dire.

Infatti, nonostante la partnership continuò oltre i sei mesi previsti dal contratto iniziale ed è in vigore ancora oggi, il Team YP ha incontrato molti problemi nella sua strada verso la gloria. Molti tornei hanno regole molto severe che vietano in ogni modo la rappresentazione di pornografia o contenuti osceni di alcun tipo (come sponsorizzazioni di YouPorn o nickname osceni dei giocatori, per dire), contro le quali la squadra si è scontrata più di una volta. Nel 2014 ad esempio, nonostante l’aver occultato “YouPorn” in “YP”, Riot Games dichiarò esplicitamente di non poter accettare la candidatura del Team YP in nessuna delle competizioni di League of Legends.

Non aiuta sicuramente l’immagine che, spesso, viene fatta della donna nell’ambito videoludico, dentro e fuori i videogiochi per così dire, nei meandri dell’industria vera e propria. Scandali come quello del GamerGate, o la vicenda dell’animatrice accusata di aver mandato al declino Mass Effect: Andromeda, e più semplicemente i personaggi femminili di titoli come Street Fighter, Dead or Alive e Senran Kagura, declinazioni di una sessualità esplicita più o meno fastidiosa.

YouPorn team

Una delle squadre del Team YP

Il Team YP ha continuato per fortuna a giocare in giro per il mondo, pur incontrando ogni tanto dei problemi. Nel 2016, però, un brutto colpo, il rifiuto da parte della ESL (Electronic Sports League) nell’accettarlo. Il motivo il solito, ovvero il collegamento con il portale pornografico. I portavoce del team cercarono in tutti i modi di andare incontro all’organizzazione, offrendo anche di rivedere il brand in modo da rendere meno chiara l’affiliazione con YouPorn, ma non ci fu niente da fare. Ancora oggi, il Team YP è bandito da ogni competizione ESL.

Il problema dell’affiliazione è che cercando Team YP su Internet, spesso si veniva reindirizzati proprio al portale pornografico (una cosa sulla quale squadra e sponsor lavorarono molto per ridurrla). Col tempo il Team YP ha anche introdotto una versione censurata della casacca, come richiesto da Capcom in occasione di un altro torneo esportivo. La cosa paradossale è che molti publisher legati ai giochi coperti dal Team YP, come Ubisoft per Rainbow Six Siege e 2K per Evolve, si sono mostrate assolutamente entusiaste e per niente infastidite dalla partnership commerciale tra YouPorn e la squadra. Probabilmente, avendo mentalità più aziendaliste, tali publisher non vedono nessun crimine nella sponsorizzazione fine a sé stessa, perché di quello. in fondo, si tratta.

Col tempo il Team YP ha continuato a giocare e, vista anche la crescita costante del mondo eSport, ci sono state anche sempre meno polemiche al riguardo. Nel frattempo, YouPorn ha iniziato anche ad investire su settori più consoni alla propria attività, ovvero un torneo di videogiochi per adulti.

Lewd Gaming Championship

Il Lewd Gaming Championship di Nutaku, sponsorizzato da YouPorn

Nutaku, sito di videogiochi a contenuto pornografico, organizzerà un torneo eSport con tanto di premio di 25mila dollari in palio. YouPorn patrocinerà e sponsorizzerà l’evento e, in particolare TnT, titolo mobile che vede battaglie di carri armati per adulti (qualunque cosa significhi). Il torneo inizierà in autunno, vedrà 64 giocatori contendersi il premio, ed ogni partecipante avrà in regalo una sottoscrizione per 12 mesi al servizio YouPorn Premium.

Lo stesso portale di titoli per adulti ha intenzione di offrire prodotti sempre più orientati alla competizione sportiva, e YouPorn non ha intenzione di mollare la presa su quello che, evidentemente, è un settore del gaming ben più affine al suo settore di impresa.

In tutto questo Fortnite, che in un modo o nell’altro c’entra sempre, è riuscito a contrastare pure YouPorn. Durante il torneo di beneficienza organizzato da Epic Games il 12 giugno, in occasione dell’E3 2018, il traffico su YouPorn è diminuito di ben il 13.57%, cifre inimmaginabili per un portale pornografico di questo calibro. Ma, nel periodo del calo dovuto al livestream del torneo, sono aumentate le ricerche dei partecipanti al torneo (che comprendeva anche VIP non-videoludici, come ricorderete) come Desiigner, Jordyn Jones, Markiplier e Pokimane, che sono stati tra i nomi più cercati su YouPorn in quel momento.

Poi c’è Valentina Nappi che fa streaming di Final Fantasy XV su Twitch. Ma questa è un’altra storia.

 

Immagine di copertina: Dadonfuga su DeviantArt

Consigliati dalla redazione