Avrete sentito parlare probabilmente di Squillo, il dissacrante gioco di carte a base di prostitute. Un prodotto pensato da Immanuel Casto e che è perfettamente in linea con quella che è la sua celebre produzione musicale. L’etichetta a lui collegata, Freak & Chic, ha continuato negli anni a produrre altri giochi da tavolo dalle tematiche particolari, per così dire. L’ultimo, presentato a Lucca Comics & Games 2018, è Red Light.

Un gioco di carte il cui sottotitolo, A Star is Porn, è già abbastanza esplicativo di quelli che sono i contenuti. Lo scopo del gioco è infatti vincere quattro premi per il cinema per adulti, ovvero ottenere quattro carte Awards in mano. Per farlo sarà necessario utilizzare le proprie pornostar oppure le carte Evento, con le quale ottenere vantaggi per sé oppure ostacolare gli avversari.

Red Light

Chi ha già provato Squillo ritroverà delle meccaniche molto simili. Le pornostar (disegnate in modo sublime da Milo Manara) hanno un valore di Carisma ed Impudenza (attacco e difesa) con le quali potranno eclissarsi (attaccarsi) l’un l’altra, nonché delle azioni da poter attivare nel proprio turno oppure in reazione ad altri eventi. Infine, ogni star ha anche un valore di Fama, che può essere utilizzato per ottenere Awards ma anche nuovi Film, che fungono da potenziamenti per le ragazze che sono già in gioco.

Nonostante la natura palesemente goliardica, Red Light è un gioco abbastanza profondo, per quanto semplice nel regolamento. Gli Eventi sono in grado di interrompere giocate, creare delle combinazioni, come ovviamente intralciare il lavoro delle pornostar rivali. Non aspettatevi di trovarvi di fronte ad un gioco dalla complessità machiavellica, ma non è neanche qualcosa da accantonare dopo la prima partita.

Red Light

Si gioca fino a sei giocatori, per una durata di cinquanta minuti circa, ed avrete intuito probabilmente che Red Light è un gioco da fare con le persone giuste. Riferimenti, più o meno pubblici ed osé, alla cultura pornografica, ma anche alla società che la circonda, composta di incontri tra le alte sfere di natura sessuale, carte che ammiccano a scandali sessuali, e così via. Le illustrazioni non sono mai completamente oscene, ma dopo il cenone della Vigilia e qualche bicchiere di troppo potreste riuscire a sciogliere anche lo zio più rigido, come a ravvivare il nonno addormentato sul divano. Ma se i vostri familiari non si fanno troppi problemi a giocare carte come Convegno sul Porno Preghiera (che non ha nessun effetto), potreste aver trovato il modo di passare il Natale.

Consigliati dalla redazione