Square Enix e Crystal Dynamics all’E3 2019 di Los Angeles non hanno sconvolto il mondo, come invece ci si aspettava, con il reveal di Marvel’s Avengers: per questo la produzione doveva necessariamente mostrare qualcosina in più, a partire dagli artigli, per iniziare a convincere i giocatori. Mettere a disposizione una demo giocabile alla gamescom 2019 è stata la soluzione migliore per permetterci di iniziare a farci un’idea di una produzione che non vuole essere un tie-in del Marvel Cinematic Universe, ma allo stesso tempo vuole permettere a chiunque di ritrovarsi in un contesto ugualmente accessibile e gradevole, proprio come quello dell’universo cinematografico.

La demo che abbiamo avuto modo di provare era una sorta di lungo tutorial, che ci ha permesso di avere tra le mani Thor, Hulk, Iron Man, Vedova Nera e Captain America, ognuno con caratteristiche specifiche e abilità altrettanto uniche. Il sistema di combattimento non ci ha stupito moltissimo, dato che si presentava in maniera molto basilare e tradizionale: ci saremmo aspettati sicuramente più originalità, al di là degli attacchi normali e di quelli pesanti le uniche feature davvero profonde erano le già citate abilità. Va da sé che se ci sono personaggi in grado di colpire dalla distanza, come Iron Man e Vedova Nera, ce ne saranno altri dalla devastante forza distruttiva, come Thor e Hulk: quest’ultimo è stato protagonista anche di una sessione di lunghi salti per attraversare un ponte abbastanza disastrato, che ci ha portato a distruggere, con i nostri atterraggi per niente delicati, delle torrette poste su dei mezzi cingolati. Iron Man, invece, ha anche la possibilità di volare allegramente nelle ambientazioni, il che lo rende perfetto per delle sessioni di combattimento in aria. Tra i cinque a nostra disposizione il team di sviluppo ha voluto sicuramente dare più spazio a Vedova Nera: la vendicatrice con meno poteri offre sicuramente una versatilità tale da permetterle di essere letale nello scontro corpo a corpo e ha mostrato tutto il suo coraggio nella rincorsa a Taskmaster, il boss affrontato al termine della demo. Lo scontro è stato sicuramente stimolante, più dei colpi inflitti con Thor e con Captain America poco prima, soprattutto perché basato molto sulle schivate, sui contrattacchi, sull’utilizzo di armi da fuoco dalla distanza e dei colpi ravvicinati: Natasha Romanoff ha sicuramente dimostrato di essere in grado di offrire un divertimento maggiore rispetto agli altri, soprattutto al noioso e statico Hulk, che al di là del poter afferrare i nemici e usarli per schiaffeggiare gli altri non è  sembrato intenzionato a offrire grande divertimento. Chiaramente si tratta di impressioni del tutto provvisorie, perché il gioco è stato mostrato in versione pre alpha.

Marvel's Avengers screenshot

Iron Man può svolazzare a proprio piacimento

La campagna si svilupperà cinque anni dopo un incidente che ha messo in ginocchio San Francisco. Gli Avengers sono ritenuti i principali colpevoli dell’accaduto e la loro reputazione è crollata. Scioltisi e liberati dal vincolo del supergruppo, i cinque protagonisti si ritrovano a osservare dalla distanza l’AIM, una corporazione che sorveglia la città di San Francisco e le altre metropoli americane, che però ha scopi molto meno nobili di quanto prevedibile. Per questo motivo decidono di tornano in pista per mettere a tacere per sempre il pericolo che ne deriva. La main quest partirà quindi da questa situazione, con delle missioni che dovendo seguire un’esperienza lineare ci porteranno a diversi combattimenti, tra battaglie contro numerosi gruppi di avversari e scontri diretti. Crystal Dynamics ci ha assicurato che saranno previsti incarichi studiati per far entrare in azione un gruppo composto da quattro giocatori, il che potrebbe fomentare molto il multiplayer: sarà infatti possibile giocare con altri amici o semplicemente giocatori rintracciati online. Non ci sono state mostrate tali subquest, quindi non possiamo esprimerci sulle bontà delle stesse, per adesso sappiamo che si punterà molto sul creare un’esperienza che sia fruibile in maniera corale.

“Crystal Dynamics ha pensato bene di iniziare a scoprire le proprie carte, permettendoci di provare un gameplay sicuramente non emozionante, ma che ha tantissimo potenziale”Ogni eroe avrà la possibilità di usufruire di uno skill tree con abilità attive e passive: così facendo potremo ritoccare il sistema di combattimento di ogni vendicatore a nostro piacere, in maniera tale da permettergli di svolgere diversi ruoli all’interno del team. Oltre a questo gli sviluppatori ci hanno mostrato un sistema di personalizzazione che si basa esclusivamente sull’aspetto estetico: un Hulk vestito da gangster degli anni ’20, per esempio, sarà davvero realizzabile. Questo non influirà dal punto di vista del gameplay, quindi non siamo dinanzi a un gear system à la Injustice 2.

Dopo un debutto non del tutto convincente Crystal Dynamics ha pensato bene di iniziare a scoprire le proprie carte, permettendoci di provare un gameplay sicuramente non emozionante, ma che ha tantissimo potenziale. È chiaro che la profondità vada necessariamente scovata, ma fa ben sperare quanto visto con la Vedova Nera. Ci auguriamo, inoltre, che al di là dei combattimenti e delle battaglie con i boss ci possa essere qualche momento di esplorazione che esalti le qualità di personaggi come Iron Man e Thor, in grado di librarsi, più o meno allo stesso modo, nei cieli delle metropoli americane.

Consigliati dalla redazione