Dopo mesi di attese, speculazioni, dubbi, timori, speranze, Pokémon Spada e Pokémon Scudo sono finalmente disponibili!

Potete giocare i due nuovi giochi Pokémon esclusivamente su Nintendo Switch (ovviamente anche nella sua versione Lite), e per accedere alle funzioni online dovrete affidarvi al servizio messo a disposizione da Nintendo. Prima di avventurarvi nella nuovissima regione di Galar, cerchiamo di riassumere brevemente tutte le novità e le feature più importanti dei nuovi giochi.

Partiamo dalla già citata Galar, nuova regione ispirata alla Gran Bretagna che si estende in verticale, con l’abitazione del protagonista costruita a sud della mappa e il punto d’arrivo previsto a nord. La mappa di gioco presenta zone montane, ampie vallate, laghi, foreste, colli innevati, miniere e un buon numero di città da visitare. L’aggiunta più importante riguarda sicuramente le Terre Selvagge, zona che si estende lungo una buona porzione della mappa in cui potrete muovervi liberamente (e controllare la telecamera a vostro piacimento), catturare molte specie di Pokémon, incontrare giocatori da tutto il mondo e partecipare ai Raid Dynamax.

 

 

Proprio il Dynamax è una delle nuove aggiunte più interessanti di Pokémon Spada e Scudo, una mutazione delle creature che va a sostituire l’utilità in battaglia delle Mosse Z e delle Megaevoluzioni, creando spettacolari ed esplosive coreografie nelle lotte. Al Dynamax è affiancata la meccanica del Gigamax, un potenziamento della stessa che coinvolge solo un ristretto pool di creature, davvero rarissime da trovare nel gioco. Il Gigamax, oltre a ingigantire i vostri Pokémon, cambia leggermente anche il loro aspetto.

Sempre parlando dei mostriciattoli, a Galar potete trovare alcune forme regionali di Pokémon già noti, su tutti Sirfetch’d e Ponyta, mentre le due versioni Spada e Scudo si differenziano tra loro per alcuni Pokémon esclusivi, così come due palestre pensate espressamente per una versione di gioco o per l’altra. La coppia di titoli, inoltre, contiene nuovi strumenti e funzioni che permettono di allenare i propri Pokémon in maniera più precisa e oculata, portando a un competitivo che si prospetta – finalmente – alla portata di tutti.

 

 

Chiudiamo con i Pokémon simbolo di questi giochi, ovvero i tre starter e i due leggendari.
In Spada e Scudo potete cominciare la vostra avventura insieme a Grookey, il Pokémon Scimpanzé di tipo Erba, birichino e immensamente curioso; Scorbunny, il Pokémon Coniglio di tipo Fuoco, sempre di corsa e traboccante di energie; Sobble, il Pokémon Acquacertola di tipo Acqua, talmente timido che sferra attacchi nascosto nell’acqua. I due leggendari di copertina, invece, sono Zacian nel caso di Spada e Zamazenta nel caso di Scudo, ed entrambi dovrebbero contribuire allo sviluppo della trama dei due giochi.

Cosa ne pensate, dunque, di questa coppia di titoli? Vi ricordiamo che il nostro sondaggio per farci sapere quale versione di gioco avete scelto è ancora attivo, quindi vi invitiamo a farci sapere la vostra!

 

Consigliati dalla redazione