La descrizione dell’ESRB, l’ente che negli Stati Uniti si occupa della classificazione dei videogiochi, di Final Fantasy VII Remake, la nuova versione del capolavoro originariamente uscito su PlayStation, lascerebbe presagire che uno dei momenti più particolari della produzione verrà riproposto sostanzialmente inalterato. Questa riporta infatti che nel gioco, classificato per un pubblico di adolescenti, verrà utilizzato del linguaggio colorito (ma non volgare) e che “alcuni personaggi femminili indossano vestiti molto scollati; una scena mostra un uomo spiare dei corpi femminili e mimare con la mano e con il bacino movimenti maliziosi”. I fan del gioco originale riconosceranno sicuramente in Don Corneo l’uomo in questione, un mafioso con un appettito sessuale non comune.

Questo elemento lascerebbe intendere non solo la presenza dell’evento che lo vede protagonista, ma anche la volontà da parte di Square Enix di rimanere quanto più fedele all’opera originale, che effettivamente aveva momenti un po’ piccanti e particolari, che in un’epoca, come quella attuale, nella quale si è fin troppo attenti a determinate situazioni, avrebbero potuto subire una sforbiciata. Chiaramente dovremo attendere il prodotto finale per avere un’idea definitiva al riguardo.

Leggi anche:

Pensate che la storia di Final Fantasy VII Remake sarà fedele a quella dell’originale anche negli aspetti più pruriginosi? Ditecelo nei commenti!

 

Fonte: GamingBolt