Mancano sempre meno giorni all’uscita di Dragon Ball Z: Kakarot, ma sale sempre più la curiosità del pubblico di appassionati dell’universo creato da Toriyama nell’ormai lontano 1984.

Nel corso degli ultimi anni, abbiamo potuto giocare a numerose opere videoludiche dedicate a Goku e compagni, ma si è trattato quasi sempre di titoli picchiaduro, in grado di trasmettere una limitata libertà di esplorazione al giocatore. Il nuovo titolo sviluppato da CyberConnect2 e pubblicato da BANDAI NAMCO, invece, promette di proiettare gli utenti all’interno del mondo che abbiamo imparato ad amare negli ultimi 35 anni.

Attraverso la recente recensione pubblicata da Famitsu, scopriamo non solo che Dragon Ball Z: Kakarot sembra essere un titolo estremamente curato, ma anche che la sua longevità rispecchierà quella di molti altri titoli GDR. Per completare la trama principale, infatti, pare siano necessarie 35-40 ore, che supereranno inevitabilmente le 100 se decideremo di affrontare tutte le missioni secondarie sparse per il continente.

 

 

Si tratta senza dubbio di un ammontare di tempo per nulla trascurabile, che, a quanto scritto nell’articolo giapponese, sarà sapientemente diviso tra momenti di trama estremamente rispettosi del materiale originale e un gameplay fresco e divertente, focalizzato sull’esplorazione del mondo di Toriyama.

Come anticipavamo in apertura, il titolo uscirà tra meno di dieci giorni e presto potrete scoprire Dragon Ball Z: Kakarot saprà davvero conquistare il vostro nostalgico cuore. Ma, cosa ancora più importante, saprete se il titolo targato CyberConnect2 potrà essere considerata un valido prodotto anche per coloro che, meno appassionati al manga o all’anime di altri, sono semplicemente alla ricerca di un valido Action/GDR da giocare.

Come al solito, continuate a seguirci per non perdere nessuna informazione sulla nuova incarnazione delle avventure di Goku e fateci sapere il vostro parere con un commento qui sotto o attraverso i canali social di BadTaste.

 

Fonte: GamingBolt

 

Consigliati dalla redazione