Quello dei survival game è un genere ormai decisamente inflazionato. Lo dimostra la recente uscita di Days Gone su PlayStation 4, apprezzato dal pubblico per la decisa sterzata verso la sopravvivenza ma bacchettato dalla critica per la mancanza di carattere e originalità. Ecco perché Fade to Silence, che con la sopravvivenza gioca in modo ancora più arrabbiato, mette sul piatto qualcosa di inedito e ambizioso, in grado di attirare e mantenere viva l’attenzione del giocatore. I ragazzi di Black Forest Games, sotto l’ala protettiva del publisher THQ Nordic, hanno cercato di dare una svolta al genere con il loro ultimo action RPG, catapultandoci in un mondo congelato e popolato da creature ostili, nel quale dovremo vendere cara la pelle e cercare di non essere fatti a brandelli.

Il nostro compito, in Fade to Silence, è quindi quello di esplorare una terra desolata post apocalittica ricoperta dai ghiacci per raccogliere e gestire le risorse necessarie a stabilire un rifugio sicuro. Nella ricerca dei materiali per sopravvivere non mancheranno naturalmente i pericoli: i famelici Eldritch, prima di tutto, così come il freddo incessante, che ci accompagnerà nel corso della nostra intera avventura. Un obiettivo non facile, da rincorrere al fianco del protagonista Ash, un leader naturale ma tormentato, afflitto da amnesia e proiettato in questo mondo tanto ostile con la figlioletta Allie. L’improvvisato eroe dovrà vedersela con un inverno perenne, che contro di lui scatena armi come l’ipotermia e tempeste di neve, su un pianeta in cui la civiltà ha lasciato spazio ad una misteriosa forza oscura e distruttrice che sta letteralmente piegando tutti i territori sotto la sua influenza, corrompendoli in ogni forma possibile. Ash, paradossalmente, è anche l’unica speranza di ambire a un futuro migliore, essendo in qualche modo legato all’entità malvagia che affligge il mondo di gioco. Questa sua qualità gli permette di intervenire per purificare i territori corrotti, e di conferire alla produzione un carattere survival grintoso e quasi spigoloso, lasciando peraltro scelta al videogiocatore fin dall’approccio iniziale.

Fade to Silence screenshot

Gli Eldritch sono presenti in vari e pericolosi tipi

In Fade to Silence è infatti presente l’affascinante meccanica della morte permanente. Selezionando la difficoltà Sopravvivenza avremo a disposizione solo tre tentativi entro cui è possibile resuscitare senza perdere i progressi accumulati, dopodiché ogni conquista viene definitivamente annullata e Ash è costretto a ripartire da zero. Ci ritroveremo senza risorse, senza compagni e con un accampamento da ricostruire, per una missione che richiede impegno, fatica, e una litrata di olio di gomito. Resta comunque la possibilità di optare per la difficoltà Esplorazione, con accesso a vite infinite e risorse illimitate, ma l’esperienza autentica messa in piedi dal team di sviluppo viene restituita solo selezionando la prima opzione. Per incentivare i giocatori a puntare sulla variante Sopravvivenza, nella quale è fondamentale calcolare il rischio e il beneficio di ciascuna delle nostre azioni, Black Forest Games ha deciso di rendere le conseguenze della morte meno punitive, implementando il cosiddetto Circolo del Tormento, una funzionalità che aiuta a ridurre le avversità fronteggiate nel corso della partita ad ogni run successiva. Si otterrà così l’accesso a un albero delle abilità che darà modo di attivare alcuni vantaggi, come una vita aggiuntiva, la possibilità di conservare qualcosa dall’inventario precedente o una fornitura iniziale di risorse.

“Fade to Silence dispone di molte caratteristiche che lo rendono unico nel suo genere”Fade to Silence dispone insomma di molte caratteristiche che lo rendono unico nel suo genere. Non solo le minacce del glaciale mondo esterno, ma anche una componente gestionale ben costruita. Nel corso del gioco potremo reclutare altri sopravvissuti (controllati dall’IA o in modalità multiplayer per due giocatori) e inviarli in missioni di raccolta o chiedere loro di unirsi a noi nelle spedizioni. Questa componente non snatura la formula di base, ma anzi conferisce un certo bilanciamento alle meccaniche e alla difficoltà più in generale. D’altronde ci troviamo di fronte ad un titolo sì impegnativo e punitivo, ma anche estremamente onesto, dove una corretta pianificazione strategica viene puntualmente premiata da una maggiore stabilità della partita stessa.

Fade to Silence screenshot

L’avventura è affrontabile anche in modalità cooperativa online

Non mancano comunque le pecche, come un sistema di combattimento che scimmiotta quello dei soulslike risultando però troppo macchinoso e legnoso – e qui è un po’ colpa delle animazioni – e una certa ripetitività di fondo per via di missioni poco incisive. Non brilla neppure il comparto tecnico: belli gli effetti delle tormente, ma in generale i modelli, le texture e la fisica sembrano poco curati e non all’altezza di altre produzioni del 2019, con qualche bug di troppo che ci ha costretti a riavviare più di una volta dall’ultimo caricamento. Fade to Silence è, in conclusione, un titolo che richiede alcuni sacrifici per essere goduto al meglio, soprattutto nelle battute iniziali. Un gioco che a conti fatti vuole consegnarci una grande lezione: sopravvivere non è affatto un (video)gioco!

Consigliati dalla redazione

VOTO6,5
Tipologia di gioco

Fade to Silence è un survival giocabile anche in modalità cooperativa online nel quale sopravvivere ad un’inverno senza fine in un mondo post apocalittico.

Come è stato giocato

Abbiamo ricevuto un codice per il download da Steam.