GRID è un gioco di guida decisamente poco educato | Recensione

GRID insegna che per frenare, per fare le curve e, ovviamente, per sorpassare, bisogna utilizzare le altre auto. Prendendole a sportellate. Quello di Codemasters è un videogioco di guida dall’impronta smaccatamente arcade, che si ricorda dell’esistenza della fisica solo a tratti, soprattutto in un modello di guida che chiaramente non richiede la precisione delle simulazioni più fedeli ma almeno di saper dosare bene acceleratore e freno, soprattutto quando si decide di graffiare l’asfalto senza alcun aiuto attivato. Sembra quasi la gita di piacere del team di sviluppo britannico, che forse aveva bisogno di scrollarsi di dosso le comunque godibilissime rigidità dei modelli di guida dei vari F1 e DiRT. Un tentativo in realtà l’aveva fatto già l’anno scorso, ma Onrush non è certamente catalogabile tra le sue migliori produzioni.

Meglio, molto meglio GRID, che per quanto, lo possiamo già anticipare, sia ben lontano dal rappresentare un titolo imprescindibile nel genere di riferimento, assolve perfettamente al suo compito, ovvero divertire con una certa immediatezza, indirizzandosi chiaramente verso un’utenza meno attenta al realismo ma al contempo strizzando l’occhio agli amanti della velocità in più o meno tutte le sue incarnazioni. Anche perché, diciamocelo, chi mai può trovare qualcosa da ridire sullo spingere a fondo sull’acceleratore in gare nelle quali fare a sportellate è uno degli ingredienti principali? Praticamente nessuno, e infatti è impossibile non rimanere almeno piacevolmente intrigati da questa formula certo caciarona, ma che non sfocia mai negli eccessi di, per fare un esempio, un Burnout.

 

GRID screenshot

Le situazioni più o meno affollate sono all’ordine del giorno

 

Immediatezza è la parola d’ordine fin da subito, da un primo approccio che non passa attraverso menù e tutorial ma da un terzetto di gare nelle quali il pilota in erba impara subito le regole del gioco. Entrare con l’acceleratore tutto affondato in curva significa comunque uscire di strada, ma è più o meno quanto basta a descrivere le pretese simulative del gioco; il resto lo si capisce immediatamente, quando nel traffico ci si ritrova fianco a fianco con uno, due, tre avversari. È un’esperienza intensa, quella di GRID, cattiva a tratti, perché la pulizia di guida non è che paghi poi tanto; meglio, piuttosto, usare i muscoli (ma con intelligenza), ed ecco che i giochi di sponda che richiamavamo in apertura all’articolo diventano frequentissimi.

“GRID fa di tutto per rendere ancora più accese le contese, attraverso un’intelligenza artificiale capace veramente di rendere ancora più pepate le gare”E il gioco di Codemasters fa di tutto per rendere ancora più accese le contese, attraverso un’intelligenza artificiale capace veramente di rendere ancora più pepate le gare. 72 diversi comportamenti è quanto il team di sviluppo ha affermato di aver implementato nel gioco, noi non li abbiamo contati, ma ci siamo accorti, eccome, delle reazioni dei piloti ai quali avevamo rifilato qualche sportellata di troppo. Spinti dal cosiddetto Nemesis System, ci hanno più volte puntato e mandato fuori strada. Avremmo potuto metterci a piangere nell’abitacolo della nostra auto e lamentarci, in questa sede, di un eccesso di foga da parte loro. Invece su pista le sportellate gliele abbiamo ampiamente restituite, e qui vi diciamo che la loro cattiveria è perfettamente coerente con il carattere della produzione.

 

GRID screenshot

Quando si fa arrabbiare qualcuno ci si sente, a ragione, con un bersaglio sulla nuca

 

Teatro di queste vere e proprie battaglie su quattro ruote sono tracciati che fanno di tutto per rendere l’esperienza di guida quanto più varia possibile, snodandosi all’interno di diverse città, come San Francisco, Barcellona, L’Avana e Shangai, o replicando circuiti storici, come Silverstone e Brands Hatch. Il fatto che nella stessa ambientazione siano presenti diversi tracciati ne rende il quantitativo certamente più che sufficiente, ma non la varietà: si avverte il bisogno di almeno altri quattro, cinque luoghi, e il fatto che siano in arrivo tramite DLC è decisamente irritante. Nulla di cui lamentarsi invece per quanto riguarda il parco macchine, con mezzi (reali) presenti in buon numero, di categorie diverse, differenti non solo nell’estetica ma anche nel feeling di guida. Sedere al volante di una Chevrolet Camaro o di una Mini non è assolutamente la stessa cosa, anche al netto della natura arcade del modello di guida.

Dove GRID fallisce è nel mettere in piedi un’offerta ludica adeguata. La modalità Carriera, l’unica alternativa alla gara libera, non è niente di più che una serie di eventi collegati, e non sarebbe nemmeno poi troppo un male, vista l’impostazione della produzione, che vuole essere accessibile e di facile fruizione; ma la ripetitività che si accusa già sul medio periodo, figlia anche della scarsità di ambientazioni, taglia le gambe a un divertimento che non può limitarsi alla singola gara. La produzione di Codemasters risulta quindi troppo frammentaria, capacissima di divertire nelle sue rocambolesche sfide e di appagare la vista del giocatore attraverso una tecnica di buon livello, ma non del tutto all’altezza di quanto un videogioco di guida moderno dovrebbe fornire.

 

 

VOTO7
Tipologia di gioco

GRID è un gioco di guida di stampo arcade (ma non troppo) nel quale competere in gare serrate a base di gas a tavoletta e sportellate.

Come è stato giocato

Abbiamo ricevuto un codice per il download da PlayStation Store.