Guardando all’intero genere di riferimento, quella specifica declinazione di action-platform che gergalmente vengono definiti Metroidvania, si potrebbe concludere che sì, forse era il caso di apportare qualche modifica, introdurre una manciata di novità in più al concept, fortunatissimo, di Guacamelee!. Limitandoci a considerare la saga di per sé, al contrario, non si possono affatto biasimare gli sviluppatori che compongono DrinkBox Studios che, con il capitolo originale, incantarono milioni di videogiocatori di tutto il mondo equipaggiando la loro creatura di un art design ispiratissimo e di un level design a tratti geniale, quando non semplicemente funzionale al proporre un livello di sfida sopra la media.

La ripresa e riproposizione della stessa, identica formula, insomma, potrebbe rappresentare un limite, un difetto, ma fortunatamente non mortifica in alcun modo le ambizioni di un’avventura capace di stupire e appassionare a più riprese, alimentandosi continuamente di un level design che solo in rarissime situazioni si fa spietato e concede il fianco a qualche sezione senza mezzi termini frustrante.

Guacamelee! 2 screenshot

Il gioco prevede il multiplayer in locale sino a quattro giocatori. Con gli amici i combattimenti diventano piuttosto semplici, ma le fasi platform resteranno comunque piuttosto complicate

L’avventura inizia con un piacevole e divertente déjà-vu. Come in una sorta di riassunto delle puntate precedenti interattivo, dovrete riaffrontare nuovamente Calaca, villain del prequel, in una versione ridotta e semplificata della boss fight con cui si concludeva il capitolo precedente. È una sorta di tutorial mascherato, oltre che un modo originale per introdurre la trama di Guacamelee! 2 che prende effettivamente il via sette anni dopo la battaglia sopracitata. Juan, visibilmente appesantito, vive felice con la sua famiglia a Pueblucho e nonostante non indossi da molto la maschera da luchador, i compaesani gli sono ancora riconoscenti per le gesta eroiche compiute in passato. Pace e tranquillità, purtroppo, durano poco, giusto il tempo di fare un giro al mercato cittadino e scoprire che una serie di buchi spazio-temporali si stanno aprendo un po’ ovunque, causa e conseguenza delle macchinazioni dell’ennesimo villain che, addirittura, sta mettendo a repentaglio l’esistenza dell’intero Mexiverso.“Il level design si esprime attraverso ambientazioni ramificate, esplorabili progressivamente, a mano a mano che si ottengono i giusti potenziamenti”

Sono le premesse per un viaggio attraverso le dimensioni, che costringerà il buon Juan a rivestire la sua maschera, nel tentativo di salvare la sua famiglia, la popolazione di Pueblucho, il Messico di tutte le dimensioni.

La struttura ludica, dicevamo, non è affatto cambiata. Il level design si esprime attraverso ambientazioni ramificate, esplorabili progressivamente, a mano a mano che si ottengono i giusti potenziamenti. Ogni nuova mossa, difatti, non solo inspessisce il combat system, ma permette a Juan di raggiungere nuove location.

Il focus dell’esperienza, non è propriamente improntato sull’esplorazione. Tesori e sentieri segreti vi spingono ad aguzzare la vista, a giocare con le mosse a disposizione per raggiungere location celate alla vista, ma Guacamelee! 2 si esprime soprattutto attraverso combattimenti contro motriciattoli più o meno grandi e difficili da abbattere, nonché grazie a fasi platform particolarmente complesse.

Sui primi, poco da dire, se non che vivrete battaglie intense, spesso rapidissime, in cui dare prova di grande abilità e maestria. Le combo da utilizzare sono molte, i nemici differiscono tra loro per pattern e strategie d’attacco.

Per le fasi platform, al contrario, si può muovere qualche (minuscola) critica. Il sadismo degli sviluppatori è tale che vi imporrà di sviluppare riflessi da Jedi, oltre che una manualità molto al di sopra della media. Poco male se si trattasse di sfoderare simili capacità per acciuffare l’ennesimo collezionabile, strategia già sfoderata ed utilizzata nel prequel, peggio se si tratta di un passaggio fondamentale e obbligatorio per completare la main quest. Nulla da ridire se amate le sfide e ve la cavate con leve analogiche e pulsanti, ma i giocatori alle prime armi potrebbero non sormontare questo ostacolo, decidendo di abbandonare una sfida apparentemente impossibile.

Guacamelee! 2 screenshot

Come nel prequel, Juan, sbloccata l’abilità specifica, potrà trasformarsi in qualsiasi momento in un pollo, potere utile per intrufolarsi in passaggi stretti e per combattere alcune tipologie di nemici

Sul fronte artistico, Guacamelee! 2, come il predecessore, è un autentico spettacolo per occhi e orecchie. L’art design dipinge scenari coloratissimi, dettagliati, generosi di personaggi mossi da animazioni fluidissime. Il sonoro, anche riciclando alcune tracce ed effetti del prequel, funge da perfetto accompagnamento all’azione, contribuendo a creare l’illusione di esplorare una versione fantasiosa e all’ennesima potenza di un Messico alternativo che si alimenta di figure leggendarie, wrestling e polli che corrono senza sosta in ogni direzione.

Se avete amato l’originale, non esiste un motivo valido al mondo per farvi sfuggire Guacamelee! 2. A meno che non siate amanti delle novità a tutti i costi, lo amerete esattamente quanto avete amato il primogenito della serie.

VOTO8
Tipologia di gioco

Guacamelee! 2 è il seguito del metroidvania del 2013, avventura impregnata di umorismo e folklore messicano.

Come è stato giocato

Lo sviluppatore del gioco ci ha fornito un codice in formato PlayStation 4. Abbiamo completato la main quest in circa dieci ore, lasciandoci alle spalle molti collezionabili.