A ben vedere, un sistema di controllo non ottimale, per usare un eufemismo, non è il solo difetto che impedisce a Immortal Legacy: The Jade Cipher di ambire all’eccellenza. Tra i difetti, non si può non annoverare un’I.A. dei nemici ai minimi storici, una grafica altalenante, nonostante non manchino picchi ragguardevoli, una trama che, forse volutamente, ma certamente con poca grazia, si dirama in molteplici intrecci, la maggior parte dei quali non trova né conclusione, né sviluppo.

Nell’FPS sviluppato da Viva Games indosserete i panni di Tyre, mercenario, ex-soldato delle forze speciali, inviato sull’isola di Yingzhou, dove sembra che ci sia qualcuno che stia eseguendo terribili esperimenti, nel tentativo di diventare immortale. La storia, che prende ispirazione da una leggenda cinese, tenta di acquisire spessore facendo luce sull’oscuro passato del protagonista, introducendo gli alleati che lo aiuteranno a sopravvivere alla missione, dando progressivamente spazio all’elemento sovrannaturale con il sopraggiungimento di creature mostruose di ogni forma e dimensione.

Purtroppo, nonostante ci sia abbastanza carne sul fuoco per mantenere vivo l’interesse dell’utente, non ci vuole molto, prima di accorgersi di avere a che fare con un patchwork piuttosto confusionario.

Immortal Legacy The Jade Cipher screenshot

La gestione dell’inventario è un altro tasto dolente del già criticato sistema di controllo

Poco male, tuttavia, se non fosse che anche il gameplay zoppica, nonostante indiscutibili meriti, scaturiti per lo più da un level design soprendentemente ben architettato.

Il problema di fondo deriva dalla scelta di affidare il sistema di controllo ai Move. Laddove ci si aspetterebbe una modalità spostamento quasi automatica, Viva Games ha invece preferito darci piena libertà di movimento, costituendo un control scheme macchinoso, complesso, a tratti inefficace.“Ritmo ben cadenzato, level design magistralmente architettato e ottima progressione sono qualità che non mancano a Immortal Legacy: The Jade Cipher

Se prendere la mira e aprire il fuoco regala immense soddisfazioni, tanto più che arsenale e bestiario sono abbastanza ampi e variegati, spostarsi da un punto dello scenario all’altro non è così immediato. Sebbene i pulsanti frontali dei Move permettano di ruotare l’avatar, spostarlo lateralmente, farlo avanzare più o meno velocemente, si procede a scatti, inutilmente affaticati dai troppi tasti da premere per muoversi nell’ambientazione.

La pratica migliora la situazione, ovviamente, ma è lecito domandarsi perché non sia stato proposto un sistema di controllo alternativo, così come accade nella maggior parte delle produzioni dedicate alla realtà virtuale.

Il rammarico è tanto più grande, quanto più ci si accorge che ritmo ben cadenzato, level design magistralmente architettato e ottima progressione sono qualità che non mancano a Immortal Legacy: The Jade Cipher. L’avventura, difatti, è fondamentalmente divisa in due parti. La prima esalta gli spazi aperti, gli scontri a fuoco a lunga gittata, l’azione coreografica e spettacolare. Nella seconda parte ci si ritrova ad esplorare oscure grotte abitate da mostri, in scenari da incubo in cui si procede lentamente, con circospezione, sperando di non incappare nell’ennesimo nemico da abbattere in fretta e furia.

Immortal Legacy The Jade Cipher screenshot

Nonostante una grafica mai spettacolare, gli effetti luce sanno impressionare

Anche gli scontri con i boss sono impegnativi e adrenalinici al punto giusto, ennesima qualità di un gioco che, tra l’altro, gode di una longevità lievemente superiore alla media, sette ore per raggiungere i titoli di coda, per quanto riguarda i congeneri in VR.

Immortal Legacy: The Jade Cipher è un FPS interessante, per molti versi riuscito e degno dell’attenzione di chi è in possesso di un PlayStation VR. Nonostante una trama confusionaria, per quanto apprezzabile da chi ha il gusto per il trash; una grafica mai stupefacente, sebbene il colpo d’occhio non sia così pessimo; un sistema di spostamento inutilmente complicato, Viva Games è riuscita a confezionare uno sparatutto divertente e godibile.

Non sarà particolarmente originale, né indicato ad un pubblico poco esperto, ma vivrete sparatorie intense e cariche d’adrenalina.

Consigliati dalla redazione

VOTO7
Tipologia di gioco

Immortal Legacy: The Jade Cipher è un FPS in realtà virtuale che vi contrapporrà sia a soldati nemici, sia a mostri di ogni forma e dimensione.

Come è stato giocato

Sony ci ha fornito un codice del gioco. Abbiamo completato la campagna in poco più di sette ore.