Luigi’s Mansion 3 è un’avventura quasi fantasmagorica | Recensione

Il motivo per il quale Luigi continui ad avere paura dei fantasmi dopo due avventure nelle quali ne ha aspirati di ogni non è dato saperlo. Ha dato la paga a Re Boo e salvato il fratello Mario dalle sue grinfie per ben due volte, attraversando molteplici manieri infestati, tra ectoplasmi poco educati, trabocchetti di ogni tipo ed enigmi da risolvere, eppure eccolo qua, ancora, in Luigi’s Mansion 3, a tremare come una fogliolina al vento mentre percorre le stanze dell’Hotel Miramostri, nel quale pensava di passare una bella vacanza insieme al fratello, a Peach e ai Toad. Peccato che l’invito nel resort multipiano si sia rivelato un trappolone del re dei fantasmi, e allora ecco ancora il verde fratello pronto a salvare tutti. Nella maniera più improbabile possibile, perché l’idraulico in verde fa di tutto per ricordarci che un eroe, almeno all’apprenza, non lo è proprio.

Luigi è costantemente e deliziosamente scosso da frequenti brividini, il giocatore non ha chiara la dimensione della sua paura eppure, almeno nelle primissime ore del gioco, se non la condivide (troppo lo stacco tra quanto percepisce il baffuto e quanto lui) quantomeno la comprende. I primi piani dell’Hotel Miramostri infatti sono quanto di più vicino Luigi’s Mansion 3 proponga all’esperienza originale del primo capitolo, uscito su GameCube nel 2002. È vero, la decisione di dividere l’esplorazione attraverso piani non in comunicazione tra loro riconduce a una compartimentazione della progressione che era già stata sperimentata, per quanto non con troppo successo, nel secondo capitolo, però almeno nel feeling si avverte qualcosa di particolare. I primi cinque dei quindici piani che compongono l’alta torre conservano il tema alberghiero e, di conseguenza, una coerenza che aiuta, molto, nel provare almeno a capire la fifa di Luigi. Sono i più basilari dal punto di vista delle mecaniche di gioco, eppure il ritmo, la scenografia, i piccoli espedienti per titillare un po’ il giocatore sono i più azzeccati all’interno di una messa in scena che almeno un po’ di inquietudine dovrebbe trasmetterla.

 

Luigi's Mansion 3 screenshot

Luigi comunica con Strambic attraverso un dispositivo dalle note fattezze

 

Quando, infatti, Luigi inizia a salire ancora di più e la natura dei piani cambia radicalmente, con aree dai temi non sempre azzeccati, aumentano generalmente la qualità e la profondità dell’esperienza, ma si va perdendo quel quid che caratterizzava il primo capitolo e che i giocatori all’inizio sono portati a pensare permei anche il terzo. In generale Luigi’s Mansion 3 è un po’ troppo tranquillo e poco pauroso, ma sopperisce alla mancanza di una forte identità che crei un legame particolare con il giocatore con un level design intelligente, enigmi ambientali sempre all’altezza e una creatività che in alcuni casi si attesta a livelli clamorosi. Ci sono momenti nei quali si rimane davvero stupiti da quanto congegnato, ci si esalta per l’applicazione di idee geniali, anche considerando che l’impianto generale è tutto sommato basilare, perché anche al netto delle nuove aggiunte non è che Luigi abbia tutte queste possibilità a disposizione.

“Ci sono momenti nei quali si rimane davvero stupiti da quanto congegnato e ci si esalta per l’applicazione di idee geniali”Il suo equipaggiamento base infatti consta ancora del Poltergust, nella sua nuova versione G-00, con il quale aspirare i fantasmi, e di una torcia con la quale stordirli brevemente o materializzare oggetti nascosti. La prima delle nuove aggiunte è la possibilità di sbatacchiare gli ectoplasmi e gli oggetti, causando un livello di distruzione delle ambientazioni inedito per la serie e godereccio per il giocatore; la seconda è l’introduzione di Gommiluigi, morbido compagno schierabile in un attimo per risolvere situazioni altrimenti senza via di uscita. Il gommoso può infatti passare attraverso grate e non preoccuparsi di eventuali spuntoni, in alcuni momenti poi una doppia aspirazione si dimostrerà necessaria.

 

Luigi's Mansion 3 screenshot

 

La produzione sfrutta generalmente bene quanto appena descritto, a tratti benissimo, occasionalmente in maniera eccezionale, ma ogni tanto anche prevedibilmente o poco intrigante. Di ciò sono una perfetta fotografia i boss, alcuni da applausi per inventiva e dinamiche dello scontro, altri apprezzabili per solo uno di questi elementi, ma un paio davvero noiosi e deludenti. Una certa incostanza di fondo è in realtà una caratteristica della produzione tutta, che diventa persino inconsistenza: le tipologie di fantasma ad esempio son sempre quelle, si possono contare sulle dita di una mano. Convince poco poi la decisione di non replicare il sistema di controllo del primo capitolo della serie, pur avendo a disposizione due analogici nelle lotte con i fantasmi fa tutto il sinistro, mentre nel capostipite era possibile muoversi con il sinistro e direzionare l’aspirazione con il destro, per un’esperienza molto più fisica e soddisfacente. L’aggiunta dello sbatacchiamento inoltre di certo le rende più dinamiche, ma anche molto più facili, troppo.

C’è quindi qualcosa che impedisce a Luigi’s Mansion 3 di assurgere allo status di produzione irrinunciabile, replicando i fasti dell’originale, e se volessimo essere un po’ cattivi diremmo il fatto di essere stato sviluppato, come il secondo capitolo, da Next Level Games e non da Nintendo stessa, mancando un po’ di quel carattere e di quelle finezze tipiche delle produzioni made in Kyoto. La terza avventura ectoplasmatica di Luigi è bella da giocare, divertente e intelligente com’è, con picchi davvero stupefacenti, così come da vedere e sentire, grazie a una tecnica del tutto convincente. Eppure si sente un po’ la mancanza di una identità più forte, e forse per il futuro della serie cercare di mettere un po’ più di paura al giocatore potrebbe essere un buon inizio.

 

Consigliati dalla redazione

 

VOTO8
Tipologia di gioco

In Luigi’s Mansion 3 il verde idraulico deve attraversare i quindici piani di un hotel infestato per salvare il fratello Mario, Peach e i Toad dai fantasmi comandati da Re Boo.

Come è stato giocato

Abbiamo ricevuto un codice per il download da eShop.