Era il lontano 2001 e Capcom portava sugli schermi una ventata di profumi orientali e il clangore delle lame dei samurai, con Onimusha: Warlords, in un’epoca nella quale riusciva ancora a proporre nuove saghe di successo. A diciott’anni di distanza il gioco torna su Nintendo SwitchPlayStation 4, Xbox One e PC, potremo quindi tornare a indossare il potente Guanto degli Oni, ricevuto dal Clan degli Ogre, per partire alla volta del castello Inabayama.

Una versione che promette diverse migliorie e novità rispetto all’originale, riportandoci alla guida del samurai Samanosuke Akechi, nonché della kunoichi Kaede, entrambi decisi a salvare la principessa Yuki da schiere di demoni. Per chi non conoscesse la storia è bene sapere che gli invasori del castello hanno resuscitato il malvagio Nobunaga Oda, un terribile Signore feudale, per esaudire i loro desideri. Qui entriamo in gioco noi, in un mix di combattimenti all’arma bianca (tanti) e (occasionali) puzzle, in un’atmosfera decisamente vecchio stile, creata dalla costruzione scenografica degli ambienti e dalla spigolosità grafica dei personaggi.

Onimusha: Warlords screenshot

Assrobire anime è una parte fondamentale del gameplay

Il gameplay offre due varianti di difficoltà, Facile (novità della riedizione) e Normale, per goderci al meglio la narrazione e la storia oppure per sfidare all’ultimo sangue una serie di nemici sempre più tenaci e difficili da battere, i quali però si riveleranno piuttosto ripetitivi e prevedibili, utilizzando sempre le stesse tecniche, nonché fin troppo insistenti, dato che appariranno in maniera costante e, a lungo andare, infastidente. In caso di difficoltà potremo utilizzare il sopracitato Guanto degli Oni, in grado di assorbire le anime dei demoni sconfitti, di tre colori diversi, a seconda delle loro funzioni. Solo assorbendole tutte e visitando gli Specchi Magici potremo potenziare le armi e altri oggetti. Ma quale potere si cela all’interno della Fluorite, una delle sostanze più importanti della storia?

“i nemici si riveleranno piuttosto ripetitivi e prevedibili, utilizzando sempre le stesse tecniche, nonché fin troppo insistenti, dato che appariranno in maniera costante e, a lungo andare, infastidente”Oltre a una colonna sonora tutta nuova, da un punto di vista tecnico si nota l’implementazione rispetto all’originale dell’alta definizione, con linee più pulite e una resa visiva complessiva apprezzabile, nonostante la chiara derivazione d’antan e alcune anticaglie della versione originale, come dettagli e colori che non rinfrescano molto l’immagine del gioco. I movimenti risultano poco fluidi in certe occasioni, anche per una concezione di game design chiaramente legata al passato. Ad esempio il passaggio da una zona all’altra è possibile solo premendo il tasto X, rendendo il tutto innaturalmente artefatto e legnoso. Di una svecchiata avrebbero avuto bisogno i font di sottotitoli e scritte dei menu, apprezzabile è l’introduzione dei 16:9 (oltre ai 4:3 originali, presenti), in tale modalità potremo far scorrere la telecamera, normalmente fissa, in base ai movimenti del giocatore, mostrando anche le aree altrimenti al di fuori dell’inquadratura.

Onimusha: Warlords screenshot

Kaede combatte secondo uno stile totalmente diverso da quello di Samanosuke

Dei diversi achievement in game, facenti parte di un sistema chiaramente nuovo e assente nella versione originale, uno dei più importanti è il raggiungimento dell’en plein nel collezionare tutti e 56 gli Onori, una sfida non difficilissima, se contiamo che le ore di gioco effettive sono davvero poche, attestabili attorno alle cinque per completare la storia. In definitiva se tanto successo era stato ottenuto ai tempi che furono, due generazioni dopo di console tira un’aria decisamente diversa, la produzione sente il peso di gameplay che gli anni hanno reso tutto sommato abbastanza piatto e ha quindi un suo senso quasi esclusivamente in ottica nostalgica.

Consigliati dalla redazione

VOTO6
Tipologia di gioco

Onimusha: Warlords è un action con schermate fisse, nel quale combattere contro demoni di ogni tipo nei panni del samurai Samanosuke e della kunoichi Kaede.

Come è stato giocato

Abbiamo ricevuto un codice per il download da PlayStation Store.