La saga di Assassin’s Creed ha ormai assunto le proporzioni di un vero e proprio fenomeno pop. Ubisoft aveva pianificato appena tre episodi ma, come abbiamo avuto modo di vedere, le cose sono andate molto diversamente. Fra spin off, seguiti, approfondimenti e variazioni sul tema la vicenda degli Assassini è ormai una costante nella vita di ogni videogiocatore. Così, in attesa di esplorare i bassifondi della Londra vittoriana con Assassin’s Creed Victory (in arrivo a fine anno, come da tradizione), la casa francese ha ben pensato di proporci qualcosa di diverso inaugurando Assassin’s Creed Chronicles, una nuova ramificazione del franchise che approfondirà le vicende più sconosciute della confraternita di cui fecero parte Ezio e Altair.

Il primo episodio della serie, Assassin’s Creed Chronicles: China, ci porta in Cina, per la precisione nel pieno dell’era Ming, Anno Domini 1526. Purtroppo l’Impero di Mezzo non è un luogo troppo ospitale per gli Assassini, la locale confraternita è infatti stata spazzata via quasi del tutto, quasi perché una giovane recluta, Shao Jun, addestrata da Ezio Auditore in persona, è riuscita a scampare al massacro e, tanto per cambiare, cova un desiderio di vendetta neppure troppo nascosto. Nei panni di Jun dovremo quindi esplorare i quattro angoli dell’impero, dalle prigioni fino alle stanze più segrete della Città Proibita.

Assassin's Creed Chronicles: China screenshot

Assassin’s Creed Chronicles: China – screenshot

Climax Studios, il team di sviluppatori dietro ad Assassin’s Creed Chronicles: China, nonché noto ai più per il non indimenticabile Silent Hill: Shattered Memories, ha deciso di imbarcarsi nel non semplice compito di reinventare la saga da una prospettiva totalmente diversa. Dimenticate la visuale in terza persona, le città, il Salto della Fede e tutto il resto: il gioco è un action in due dimensioni, che a tratti ricorda un beat ‘em up e, in altri versi, cerca di assomigliare ai classici Metroid. Ci troveremo a esplorare una serie di ambientazioni piuttosto complesse e ben caratterizzate, portando a termine assassinii e altre missioni, cercando, al tempo stesso, di non farci scoprire. Laddove nella serie originale quasi tutto il gameplay si fonda sulla ricerca della verticalità (i campanili, le corse sui tetti), qui tutto viene sostituito da un approccio molto più classico, conservativo come solo i giochi bidimensionali possono essere.

“Assassin’s Creed Chronicles: China è un divertissement piuttosto innocuo, pensato per i fan della serie originale e per chi ama esperienze ludiche non troppo impegnative”

I ragazzi di Climax non si sono presi troppe libertà e, forse per evitare pericolosi errori, hanno scelto di battere una strada relativamente sicura, confezionando un action bidimensionale non certo straordinario ma, tutto sommato, godibile. Assassin’s Creed Chronicles: China non ha i guizzi di alcune produzioni indipendenti e, al tempo stesso, non può neppure competere con titoli dai valori produttivi molto più alti. Si tratta di un divertissement piuttosto innocuo, pensato per i fan della serie originale (che potranno scoprire nuovi dettagli sulla secolare guerra fra Assassini e Templari) e per chi ama esperienze ludiche non troppo impegnative.

Assassin's Creed Chronicles: China screenshot

Assassin’s Creed Chronicles: China – screenshot

Difficilmente un giocatore con qualche anno sulle spalle e magari una pila di giochi da finire lunga come una coda sul raccordo anulare troverà qualcosa di davvero interessante in questa nuova serie di spin off a tema Assassin’s Creed che Ubisoft ha deciso di proporci. Certo, l’avventura di Jun è godibile, a patto di non avere troppe pretese, e lo stile grafico si lascia apprezzare, tuttavia se dovessimo pensare a un ideale spazio per questo titolo nella nostra ludoteca rischieremmo di trovarne meno di quanto ci aspetteremmo. Forse i fan di Assassin’s Creed che non dormono la notte in attesa del nuovo capitolo troveranno in Assassin’s Creed Chronicles: China e nei suoi futuri sequel un leggero palliativo, tutti gli altri, invece, si troveranno fra le mani un action/platform senza infamia e senza lode. Bene ma non benissimo direbbe qualcuno.

VOTO6
Tipologia di gioco

Assassin’s Creed Chronicles: China è un action platform che mette il giocatore nei panni di Shao Jun, l’ultima assassina attiva nell’Impero Cinese. Fra vendette, intrighi ed omicidi dovremo rifondare il nostro ordine e, come sempre, sconfiggere le terribili macchinazioni dei templari.

Come è stato giocato

Abbiamo testato il gioco grazie a un codice di download Xbox One gentilmente fornitoci da Ubisoft, per scrivere questo pezzo lo abbiamo completato per intero.