L’evento cinematografico dell’anno, quello che tutti gli appassionati di fantascienza e non stavano aspettando, è finalmente arrivato: Star Wars: Il risveglio della Forza è tra noi e ha già fatto registrare in tutto il mondo record da capogiro. Ovviamente la Forza si è infilata anche nel mondo dei videogiochi, generando due produzioni di grande richiamo, Star Wars Battlefront certamente, ma anche i Play Set di Disney Infinity 3.0: Play Without Limits, che con l’uscita del settimo capitolo della serie cinematografica si arricchisce di una nuova, potenzialmente intrigante campagna, tutta da giocare.

Anche questo Play Set, come i precedenti, rielabora quanto visto sul grande schermo. cosicché trama ed avvenimenti possano essere fruiti in un formato, quello videoludico, assai diverso dall’originale. La formula adottata è molto simile a quella della campagna dedicata alla trilogia originale, talmente simile che le missioni contenute nella prima macroarea sono pressoché identiche. Ci troveremo quindi a vestire i panni di Rey e Finn, impegnati a raccattare i rottami necessari ad attrezzare una navicella con cui abbandonare il pianeta, una versione abbastanza diversa rispetto agli avvenimenti del film e che scatenerà nel giocatore un comprensibile déjà vu. Gli stratagemmi che introducono i nuovi protagonisti potevano essere indubbiamente meglio studiati, soprattutto considerando il prezzo al quale il Play Set viene venduto al pubblico.

Disney Infinity 3.0: Play Without Limits Star Wars: Il risveglio della Forza Play Set

Disney Infinity 3.0: PLay Without Limits – Star Wars: Il risveglio della Forza – screenshot

“La formula di base è quella di un classico action adventure”

La formula di base è quella di un classico action adventure, nel quale il giocatore è chiamato a completare vari compiti, come catturare droidi ed animali, abbattere nemici, esplorare aree, raccogliere oggetti e imbarcarsi in missioni aeree. Tutte meccaniche già largamente apprezzate qualche mese fa, appositamente sviluppate in collaborazione con alcuni famosi team, quali Ninja Theory e Sumo Digital. Nonostante la rielaborazione in chiave giocattolosa, i luoghi ed i personaggi de Il risveglio della Forza risultano essere ben riconoscibili anche ai meno esperti dell’universo ideato da George Lucas, grazie ad uno stile semplice ma ben delineato. Forse l’unico vero difetto del comparto visivo è da ricondurre ad alcune texture ambientali poco definite, che soprattutto sulle console di nuova generazione stonano con il resto degli elementi a schermo, decisamente più dettagliati e curati. Impossibile muovere critiche invece alla colonna sonora, che prevede i medesimi brani della pellicola cinematografica, buono anche il doppiaggio, che include le voci di alcuni dei doppiatori del film.

Quanto allestito da Disney ed Avalanche Software per Il risveglio della Forza non lesina quindi nell’offerta, ma nell’originalità, simile com’è, ovvero troppo, a Insieme contro l’Impero. Ai giocatori più esigente potrebbe non bastare una comunque buona riproposizione di situazioni già vissute. Le atmosfere tipiche dell’universo di Star Wars ben permeano la produzione, grazie ad una direzione artistica ben riuscita, in grado di amalgamare una grafica semplice ma riconoscibile ad un’ottima colonna sonora. Se dopo la visione della tanto attesa pellicola state fremendo dalla voglia di tornare nella sabbiosa Jakku allora il nuovo Play Set potrebbe essere un valido espediente per farlo.

VOTO7,5
Tipologia di gioco

Disney ci ha gentilmente fornito il Play Set, ne abbiamo completato la campagna principale, affrontando anche alcune missioni secondarie.

Come è stato giocato

Il Play Set di Star Wars: Il risveglio della Forza è un action adventure con alcuni elementi RPG, nel quale il giocatore sarà chiamato a completare missioni e pilotare navicelle spaziali.