Animal Crossing ha sempre permesso, fin dalla sua prima uscita di vent’anni fa, una grande personalizzazione di vestiti, case, bandiere e pattern da poter posizionare sul terreno. In Animal Crossing: New Horizons, l’ultimo capitolo disponibile dallo scorso 20 marzo su Nintendo Switch la personalizzazione ha compiuto un ulteriore passo avanti, permettendo ai giocatori di poter modificare la conformazione della propria isola. Una volta superato un certo evento, infatti, otterremo da Tom Nook la possibilità di cambiare a nostro piacimento fiumi, laghi e zolle di terra.

Un giocatore appassionato di Zelda ha pubblicato su imgur una serie di foto della sua isola, trasformata nella Hyrule di The Legend of Zelda: A Link to the Past. Vediamole insieme:

Ecco Kakariko Village: anche se è assente la meridiana, possiamo vedere  i punti cardinali sul terreno, e le case dei cittadini. Nell’immagine qui sotto, invece, il museo di Blatero è stato trasformato nel castello di Hyrule.

 

animal crossing zelda

 

Proseguiamo con un trittico di location particolari: la Death Mountain, circondata dalle cascate (Waterfall of Wishing). L’Eastern Palace, situato nel deserto, è decorato con percorsi fatti di sabbia e fango. Infine, l’Area del Campeggio è stata tramutata nel Desert of Mystery, con tanto di fossili a fare da teschi:

 

animal crossing zelda

animal crossing zelda

animal crossing zelda

 

Ecco invece la casa di Link, o dell’avatar del giocatore in questo caso, che si cimenta perfino con l’ocarina d’argilla, dove nel mentre un incauto Ivano interpreta uno dei Boblin affrontabili nella mappa di A Link to the Past:

 

Animal crossing zelda

 

Infine potete paragonare la mappa qui sopra dell’isola Forsena all’originale per Super Nintendo di A Link to the Past, così da farvi un’idea dell’impresa di questo giocatore:

 

animal crossing zelda

 

 

Anche voi trasformerete la vostra isola? Vi ricordiamo che Animal Crossing: New Horizons è disponibile dal 20 marzo in esclusiva su Nintendo Switch.

 

Fonte: IGN