Lost Ember è un viaggio emozionante solo a metà | Recensione

Lost Ember per mettere in scena la storia che vuole raccontare risponde subito e in maniera del tutto convinta a uno degli interrogativi che più attanagliano l’animo umano: “c’è vita dopo la morte?”. C’è, c’è eccome. Nella teologia dell’opera prima di Mooneye Studios le anime belle vanno a vivere in una città splendente, tra i cieli, la Città della Luce, la chiamano, quelle che in vita si son date al peccato si reincarnano in animali. Ed è un dato di fatto, non c’è alcun dubbio in questo, manca totalmente quell’elemento di mistero che nella religione è normalmente imprescindibile e inconoscibile. Paradossalmente anche per coloro che hanno vissuto nel vizio, nella cattiveria, nella violenza, tornare in vita, anche se in altri panni, può essere lo stesso bellissimo, perché bellissimo è il mondo che si torna a calpestare, lo stesso che, con grandissimo effetto, colpisce il giocatore quando esce, guidando il lupo che del racconto è il protagonista, dalla grotta nella quale il gioco prende inizio.

È impossible rimanere impassibili quando lo sguardo va ad accarezzare i morbidi pendii verdi che fanno da contorno alle prime corse del lupo. È un mondo che esprime gioia, pace, magnificenza, con i suoi colori accesi, la varietà di piante e alberi che lo puntellano, la dolcezza o l’impetuosità dei corsi d’acqua che lo attraversano. E forse è così bello anche perché dell’uomo non c’è praticamente traccia, la vita è solo animale e vegetale e sembra lo stesso perfetta, in maniera che stordisce, se si pensa che questo magnifico spettacolo sia a disposizione persino dei peccatori. Si capisce quindi praticamente subito che il lupo sia la reincarnazione di uno di loro, una giovane donna, il cui incontro con un’anima incapace di ascendere alla Città della Luce fiunge da motore al suo viaggio.

 

Lost Ember screenshot

 

Anche nella maniera nella quale viene motivata la progressione c’è poco mistero in realtà. Si seguono le indicazioni dell’anima perduta perché così impone il gioco e di conseguenza si percepisce una certa artificiosità nel modo in cui viene imbastito un legame che non ha praticamente modo di svilupparsi, dato che viene deciso che sia del tutto normale fidarsi di un’entità incontrata praticamente per caso. È questo il primo segnale di una scrittura non raffinatissima, di una certa incapacità da parte degli sviluppatori nell’impreziosire la narrazione con un qualunque tipo di raffinatezza. Il che, in una produzione che utilizza la ludica come metodo di fruizione di un racconto, non è decisamente il massimo.

“Per attraversare un mondo che, come uno scrigno, custodisce segreti dolci e terribili, storie d’amore e di violenza, spesso si abbandona l’agile e scattante corpo del lupo, per entrare in quello di un rotondo vombato, o di un’anatra, di un colibrì, di un armadillo”Lost Ember, dal punto di vista del gameplay, è infatti poco più di una lunga corsa attraverso un mondo bellissimo, nel quale occasionalmente imbattersi nei ricordi della vita umana del lupo. Non ci sono combattimenti, fasi platform, niente che in un qualunque modo sfidi il giocatore. Quanto lo motiva ad andare avanti è lo scoprire, ricordo dopo ricordo, cosa sia successo alla giovane, e la storia che gradualmente si ricompone riesce genuinamente ad appassionare. Peccato che, in un gioco che effettivamente proprio non vuole saperne di lasciare un po’ sospeso il giocatore, arrivi sempre la voce dell’anima compagna di viaggio a spiegare cosa succeda in ognuno di questi momenti, impoverendo la valenza delle visioni nelle quali ci si imbatte. Sembra quindi quello dell’anima perduta un ruolo superfluo, fastidioso, e di fatto lo è per parte dell’avventura, prima che inizi a prendere forma anche l’altro mistero del gioco, quello che la riguarda.

 

Lost Ember screenshot

 

Per attraversare un mondo che, come uno scrigno, custodisce segreti dolci e terribili, storie d’amore e di violenza, spesso si abbandona l’agile e scattante corpo del lupo, per entrare in quello di un rotondo vombato, o di un’anatra, di un colibrì, di un armadillo, ognuno con piccole caratteristiche proprie che pochissimo aggiungono al gameplay ma molto fanno per rendere ancora più viva la natura che fa da teatro al gioco. Non è però quanto basta per soprassedere su evidenti problematiche di design e tecniche: il mondo è in realtà molto meno esplorabile che all’apparenza, la progressione è molto lineare, non di rado ci si trova di fronte a muri invisibili o ad altri ostacoli a prima vista tranquillamente superabili. Sono queste evidenze della mancanza di un vero lavoro di rifinitura, come testimoniano ulteriormente un frame rate molto ballerino, animazioni rivedibili, bug di vario genere e una telecamera che tende sempre a schiacciare troppo l’inquadratura.

A quanto, e non è poco, Lost Ember fa per affascinare il giocatore con la sua natura florida e un po’ misteriosa e per catturarlo con un racconto efficace e toccante, per quanto a tratti fin troppo diretto, non si abbinano dunque una struttura e una cura tali da renderlo esperienza capace di irretirlo totalmente, ovvero quello che dovrebbe essere l’obiettivo di una produzione videoludica di simile concezione, dall’elevato impatto sensoriale ed emotivo e dal ridotto gameplay.

 

Consigliati dalla redazione

VOTO6,5
Tipologia di gioco

In Lost Ember il giocatore, nei panni di un lupo e di altri animali, esplora un mondo dalla natura rigogliosa, alla ricerca dei ricordi della sua vita precedente.

Come è stato giocato

Abbiamo ricevuto un codice per il download da PlayStation Store.