Tales of the Neon Sea, opera del team di sviluppo cinese Palm Pioneer, è un’avventura dai toni noir, contrastati dalle fluorescenti illuminazioni di una futuristica città. Questa storia dal sapore cyberpunk ha inizio nel 2057, ne è il protagonista il detective privato Rex, un cyborg preda di allucinazioni e sogni assurdi dettati dal vizio dell’alcool, che gli procurano anche danni fisici. Per questo motivo si ritrova a dover cercare una soluzione per riparare alcune parti del suo corpo: i robot come lui, a lungo usati come braccianti e sfruttati per i lavori più pericolosi, hanno infatti iniziato a prendere coscienza della propria esistenza, non totalmente accettata invece dagli umani, che continuano a guardarli solo come strumenti e, alla fine del loro ciclo, rifiuti.

I successivi due capitoli (tre sono quelli disponibili, gli altri arriveranno prossimamente) racconteranno un futuro ancora più remoto: ci ritroveremo addirittura nel 2140, il nostro ormai ex detective avrà diverse grane da risolvere. Non sarà solo in questa avventura 2D, sarà affiancato dal gatto William, anche protagonista di alcuni momenti di gameplay, dal robot BB-X e da altri personaggi secondari, tra i quali un poliziotto gentile ma stanco e un po’ impaurito di fare il proprio dovere e il classico duro che vuol far carriera, che punteggiano la narrazione per un periodo di tempo relativamente breve. La presenza felina è estremamente particolare: i gatti, non solo William, hanno imparato a dialogare tra loro e perfino a leggere l’idioma degli umani, elemento che rende alcuni aspetti narrativi davvero unici.

Tales of the Neon Sea screenshot

BB-X è l’assistente robotico di Rex

Subito si nota che la costante che caratterizza il gioco è l’infinito susseguirsi di puzzle ed enigmi da risolvere, tavolta fin troppi e troppo frequenti; ringrazieremo le scene di dialogo per darci tregua da questa serrata serie di grattacapi, dalla difficoltà variabile, ma non sempre abbordabile. Non sarà (solo) questione di logica: dovremo anche fare corse contro il tempo, magari premendo i pochi tasti di azione che ci consentiranno di salvarci la pelle (o meglio, l’acciaio), raccogliere diversi oggetti e arnesi utili per riparare marchingegni e altro ancora. I frequenti rompicapi impediscono di godere appieno di un mondo realizzato con originalità e ben caratterizzato, ma soprattutto non si collegano con particolare efficacia alla trama, non sciolgono nodi fondamentali della storia.

“I frequenti rompicapi impediscono di godere appieno di un mondo realizzato con originalità e ben caratterizzato, ma soprattutto non si collegano con particolare efficacia alla trama”Come ogni avventura che si rispetti il gioco è ovviamente caratterizzato anche da una ricca varietà di dialoghi e di incontri interessanti, i quali, insieme a dettagli come poster a sfondo politico, insegne al neon e altro ancora fanno respirare l’aria metropolitana di una città piena di persone da incontrare e di conversazioni da origliare. Le loro storie saranno raccontate, mano a mano, dai diversi file consultabili in un apposito menù, utile anche per tenere traccia dei propri progressi.

Nel corso dell’avventura, generalmente oppressa da un’atmosfera angosciosa, si alternano momenti cupi ad altri più leggeri, grazie alle ironiche battute di Rex e dalle risposte a tono dei suoi compari. Il tutto viene messo in scena da una pixel art dettagliatissima e curata, che dipinge una città nella quale si fondono stili orientali e futuristici dalle chiare ispirazioni cinematografiche, su tutte Blade Runner. Non convince una colonna sonora estremamente monotona, a tratti soporifera, che non riesce ad accompagnare con efficacia quanto viene mostrato sullo schermo.

Tales of the Neon Sea screenshot

Il singolare appartamento del detective

Tales of the Neon Sea non riesce a spiccare abbastanza per qualità ludica sulle tante altre avventure grafiche indie costellate dalla risoluzione di rompicapi. Lo fa sicuramente grazie a una veste grafica deliziosa e all’atmosfera cyberpunk, è per questo motivo che è fortemente consigliato solo per coloro particolarmente affezionati a un immaginario certamente strabusato, ma sempre fascinoso.

Consigliati dalla redazione

VOTO6,5
Tipologia di gioco

Tales of the Neon Sea è un’avventura grafica realizzata in pixel art che racconta le storie sotterranee di una città futuristica nella quale convivono umani e androidi.

Come è stato giocato

Abbiamo ricevuto un codice per il download da Steam.